La fauna terrestre delle isole tremiti

Si è già avuto modo di sottolineare che la fauna terrestre delle Isole Tremiti non è particolarmente numerosa, inducendo forse l’erronea convinzione che uno sguardo alle specie animali della terraferma sia del tutto trascurabile e non riservi delle sorprese.

La diversificazione degli ambienti vegetali corrisponde ad una variegata, seppur non nutrita, presenza faunistica che, pur non paragonabile per rilevanza a quella marina, è certamente interessante.

gabbiano-reale-isole-tremiti

Presenti in tutti gli ambienti dell’Arcipelago sono gli insetti, la cui capacità di adattamento alle più svariate ed avverse condizioni di vita è ben nota. Molto frequenti sono invertebrati crostacei isopodi come l’Armadillidium vulgare, lo Scarabeo o la Coccinella septempunctata; miriapodi come la Scolopendra cingulata o il Pachyiulus unicolo; chiocciole come la Helix virgata o la Helix aperta; farfalle come la Pieris brassicae e la Nymphalis polychloros; ragni come l’Argiope Bruennichi o la Malmignatta; ortodotteri come l’Acrida bicolor mediterranea, l’Anacridium aegyptium o la Mantide religiosa.

Presenti, seppur in misura minore, anche i rettili. Tre sono le specie più significative: la Lucertola campestre, di fatto onnipresente in tutte le isole escluso il Cretaccio, il Geco verrucoso e il Biacco, l’unico serpente dell’Arcipelago, assolutamente innocuo e non velenoso benché capace di mostrare il proprio temperamento aggressivo se infastidito.

Poco rappresentati sono i mammiferi, per lo più roditori: il coniglio selvatico, il ratto nero e il topolino domestico.

L’espressione più bella della fauna non marina delle Isole è rappresentata sicuramente dagli uccelli. Si va da specie di piccola taglia come l’Occhiocotto, il fringuello, lo scricciolo, il cardellino, la ballerina bianca e gialla, il verzellino, il passero e la capinera a specie di dimensioni maggiori come il falco pellegrino, il gheppio, la berta maggiore e minore, il rondone e il gabbiano reale.

Il volo in stormi, caratteristico di molte delle specie sopraelencate, ha dato origine a suggestive leggende che meritano un approfondimento a sé: tra queste si segnalano quelle sui gabbiani e le berte, detti “diomedee” in onore a Diomede, storico fondatore delle isole che qui sarebbe giunto insieme ai compagni di battaglia che, secondo il mito, un incantesimo avrebbe mutato proprio in questi uccelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *